top of page
  • Immagine del redattoreSamira Amin

Gnudi di ricotta e spinaci

Vogliamo parlare della bontà degli gnudi?

Per me superano i ravioli.

Li mangerei anche crudi.


Ma si sa che ho gusti un po’ particolari.😆 🍽

Nato come piatto contadino, gli ingredienti sono messi tutti a occhio e senza dosi, per un piatto destinato al consumo immediato: fatto e mangiato.

C’è chi li chiama “malfatti”, perché effettivamente, facendoli a mano, non vengono sempre molto precisi e neanche tutti uguali. 🔸


INGREDIENTI

500gr spinaci, oppure bietole o erbe di campo,

150 gr di ricotta freschissima

2 uova, Parmigiano o Pecorino e un po’ di farina.


👩‍🍳indipendentemente dal nome, sono comunque una prelibatezza e, in varie versioni, hanno oggi spazio nelle Carte di moltissimi ristoranti. Una variante molto gettonata e gustosa, retaggio del territorio toscano, è quella con il cavolo nero.


Procedimento:

Sbollentante gli spinaci con un po' d'aglio in padella.

Lasciateli raffreddare e poi uniteli in una grande ciotola alla ricotta, 2 uova, sale e parmigiano.

Fate delle piccole palline usando le mani (non preoccupatevi anche se non vengono perfette, saranno belle anche perché imperfette). Infarinate ciascuna pallina e poi bollite il tutto in acqua salata per circa 1 minuto. Toglietele dall'acqua appena salgono a galla.


Servitele tiepide con una salsa di pomodoro o anche semplicemente con un filo d'olio.

10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentários


bottom of page